SOCIETA': LA GUERRA CHE NON FINISCE MAI

Mi ritengo un uomo fortunato per essere nato negli anni '70 in una parte dell'emisfero non ancora toccato direttamente da una guerra dopo la fine del secondo conflitto mondiale.
Verrebbe però da chiedersi, come recentemente teorizzato da Papa Francesco, se non si possa parlare di un terzo conflitto in atto.
Da quando ho ricordi, ci sono sempre state, senza soluzioni di continuità, guerre più o meno aspre, stragi di massa, battaglie per questioni razziali e religiose e sfruttamenti di civili.
Senza consultare Internet, provo a fare uno sforzo di memoria...:
Sono nato sul finire della guerra in Vietnam poi si è passati alla Russia contro l'Afghanistan, poi all'Iran contro l'Iraq, al conflitto tra India e Pakistan nel Kashmir (credo ancora in corso), alla guerra nella ex Jugoslavia, per tornare in Iraq e al Kuwait, poi di nuovo Balcani con il Kosovo, poi ancora Iraq e Afghanistan, la Cecenia, ora la Siria...tutto questo senza contare l'eterno conflitto tra Israele e Palestina, le guerre civili sanguinarie in America Latina e in Africa e le repressioni di alcuni stati autoritari (ricordo ad esempio i carri armati in Piazza Tienanmen).
Non ho ricordi di periodi di pace totale, credo che in 43 anni non ci siano mai stati. Qualcuno potrebbe obbiettare che non ci sono mai stati in tutta la storia del genere umano e quindi sia normale che la guerra accompagni da sempre la nostra quotidianità.
Credo che il problema sia proprio questo. Siamo orami talmente assuefatti al concetto di morte e guerra che quasi sia diventato normale conviverci, soprattutto PER noi occidentali toccati solo marginalmente da fenomeni paralleli come il terrorismo.
Mi sento un po' come una di quelle concorrenti a Miss Italia che intervistata sui suoi sogni rispondeva goffamente che desiderava la pace nel mondo.
Parlare di un mondo senza guerre è diventato banale, anche oggi che sui nostri televisori tornano immagini di sfilate di missili nucleari in piazza, con le sole differenze che i missili non sono più quelli russi ma coreani e che le nostre tv non sono più analogiche ma ci mostrano i venti di guerra in HD.

 

Commenti

Post più popolari